Conferenza stampa NoExpo nel bel mezzo degli ExpoGate!

11125274_10205986487118248_39734552_nQuesta mattina conferenza stampa NoExpo nel bel mezzo degli ExpoGate!

—-

Mancano ormai 19 giorni all’inaugurazione di Expo 2015.

La cronaca milanese ci ha ormai abituati all’emergere quasi settimanale di problematicità legate all’Esposizione Universale. Se settimana scorsa si è parlato di incidenti nei cantieri, in questa sono emerse notizie sull’aumento dei costi dei lavori per il Padiglione Italia lievitati da 63 a 92 milioni di euro e sui dubbi dell’Autorità nazionale anticorruzione guidata da Cantone sull’affidamento senza gara d’appalto ad Eataly della gestione della ristorazione ad Expo.

Se manca poco all’inaugurazione del grande evento è anche vero che stanno per entrare nel vivo le mobilitazioni targate NoExpo.

Questo pomeriggio sono previste due assemblee nazionali (dopo quella di Gennaio, con il tentativo di impedirne lo svolgimento con la serrata dell’Università Statale). L’assemblea studentesca in vista della manifestazione del 30 Aprile è prevista per le 14, mentre quella generale è invece prevista per le 16. Proprio per questo è stato da pochissimo occupato l’ex-Istituto Tecnico Rizzoli in Piazza Occhialini (dietro il Politecnico).

Questa mattina si è invece svolta nel bel mezzo degli ExpoGate la conferenza stampa di lancio delle iniziative delle giornate di fine Aprile ed inizio Maggio.

Qui sotto troverete il comunicato stampa di oggi ed alcune interviste agli attivisti NoExpo:

A venti giorni dall’inizio dell’Esposizione Universale più screditata della storia, prende il via anche il conto alla rovescia per le mobilitazioni#alterexpo, un fitto ed incalzante calendario di eventi, azioni, mobilitazioni messo in campo dalla rete No Expo all’insegna della critica radicale ad Expo, che culmineranno nel corteo studentesco internazionale del 30 aprile, nella No Expo Mayday del 1 maggio e nel campeggio No Expo dall’1 al 3 maggio 2015.

Sabato 11 aprile alle 12 presso l’Expogate di Piazza Castello si è tenuta una azione-conferenza stampa per presentare i contenuti della critica ad Expo approfonditi a lungo in questi anni dalla rete No Expo e nel pomeriggio di sabato si è tenuta l’assemblea nazionale di lancio della No Expo Mayday parade, che il 1 maggio attraverserà le strade di Milano raccogliendo tutti quei precari, studenti, migranti che quotidianamente vivono le contraddizioni di cui Expo è vetrina e laboratorio.
Expo non sarà portatore di lavoro, crescita e rilancio, come la retorica expo-ottimista vorrebbe far credere: non ci sono gli oltre 70mila posti di lavoro promessi, non c’è una ripresa economica trainata da Expo, persino il turismo sembra quasi indifferente all’arrivo del grande evento.
Lo dicevamo anni fa, lo diciamo oggi con ancora più forza: Expo è debito, cemento, precarietà, spartizione, poteri speciali, mafie, corruzione economica ed ideologica. E’ una grande occasione per le multinazionali che affamano questo pianeta di rifarsi il trucco (la “verde” Mc Donald’s e le corporation degli OGM ne sono i casi più evidenti). Con Expo il cibo, che si mangia, diventa food, che si vende: ai poveri il cibo spazzatura di Mc Donald’s, ai ricchi le “eccellenze dell’imbucato senza gara pubblica” Farinetti.

Diciamo debito, perché Expo è pagato con i nostri soldi in tempi di crisi. Milano vedrà le sue casse svuotate nei prossimi anni dai costi esorbitanti e straordinari che Expo richiederà, il post-Expo è già un ipoteca nella mani del Governo. Tutto ciò si tradurrà in sacrifici sui servizi ed aumenti di tasse per i cittadini.

Diciamo cemento, perché seppur in questi mesi abbiamo visto fallire tanti dei progetti che Expo avrebbe dovuto portare in Lombardia, sono tantissime le opere inutili realizzate con soldi pubblici in questi anni, di cui la deserta Brebemi è il simbolo ormai universalmente riconosciuto.

Diciamo precarietà, perché Expo sarà un laboratorio di nuove forme di sfruttamento e lavoro precario, culminato con l’impiego di centinaia di volontari illusi di partecipare ad un grande evento e che altro non sono che lavoratori gratuiti. Logica contro la quale in questi mesi la rete NoExpo si è opposta con la campagna “Non lavoro gratis per Expo”.

In una città sempre più militarizzata e spaventata dall’arrivo dell’Esposizione, in cui in questi giorni si cerca di alimentare a mezzo stampa immaginari apocalittici intorno al 1 maggio, i militanti della rete No Expo hanno presentato pubblicamente temi e contenuti, rimandando al mittente i tentativi di criminalizzazione preventiva: noi partiamo e torniamo insieme, non esistono “buoni e cattivi”, esiste un percorso chiaro, deciso e aperto, ed esiste da 8 anni. (http://www.offtopiclab.org/a-volte-ritornano-comunicato…/)

La rete No Expo in queste settimane sta ttraversando l’Italia anche con un No Expo Tour, che porterà gli attivisti della rete ad incontrare tante realtà dei territori in vista del 30 aprile e del 1 maggio 2015.

I documenti, i contenuti, gli appuntamenti #alterexpo sono consultabili pubblicamente sul sito http://www.noexpo.org/, su facebook e su twitter.

Fuori da Expo si vive meglio.

Riccardo di “Non Lavoro Gratis per Expo”:

Massimiliano di Zam:

Tonino di Genuino Clandestino:

Elio di OffTopic:

Andrea di Attitudine NoExpo/NoCanal:

Azione ed intervento iniziale:

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.