[DallaRete] Expo lo licenzia perché dieci anni fa occupò una casa

29inchiesta-expo-passante
image-37351
Milano – La storia di Claudio: «Sono così pericoloso che quando avevano bisogno di tirare su i padiglioni perché erano in ritardo non hanno fatto storie sul mio passato e mi hanno fatto lavorare. Dal Primo Maggio però sono diventato un indesiderato. Se possibile farò causa per danni a Expo o al Viminale».

C’è chi può e chi non può. Troppo facile la bat­tuta nella gior­nata in cui la pre­si­dente di Expo SpA viene inda­gata per eva­sione fiscale. Facile si, ma dram­ma­ti­ca­mente vera: per lei e per gli altri «Expo-indagati» non c’è stato fil­tro di poli­zia che abbia tenuto. Ma il capo, si sa, non ha biso­gno del badge. Altri sono gli inde­si­de­rati den­tro all’Esposizione Uni­ver­sale. Come Clau­dio (nome di fan­ta­sia), che ieri ha tele­fo­nato a Radio Popo­lare dal sito di Expo, rigo­ro­sa­mente nei suoi cin­que minuti di pausa.

Per­ché lui den­tro Expo ci lavora ancora, ma non dovrebbe: è una delle diverse cen­ti­naia di per­sone respinte dal fil­tro di poli­zia che vigila sui lavo­ra­tori dell’esposizione. La sua sto­ria è tra­gi­co­mica e rac­conta bene la discre­zio­na­lità, l’assurdità e, pro­ba­bil­mente, l’illegittimità di que­sto fil­tro. «Ho ini­ziato a lavo­rare nel can­tiere di Expo il primo Dicem­bre 2014 — ha rac­con­tato Clau­dio — mi hanno accre­di­tato e mi hanno dato un badge per entrare nel sito ancora in costru­zione. Non c’è mai stato alcun pro­blema fino al primo mag­gio, quando Expo ha aperto e le dispo­si­zioni sono cambiate».

Qual­cuno quindi, ci viene da sup­porre Expo SpA o il Governo, ha deciso che dal Primo Mag­gio le pro­ce­dure per l’accreditamento dove­vano cam­biare e che per entrare nel sito si sarebbe dovuto supe­rare il fil­tro di Que­stura e Pre­fet­tura. Fil­tro, o parere, discre­zio­nale e non vin­co­lante per Expo SpA, come ci hanno detto dalla società Expo alcuni giorni fa, ma di cui pren­dono atto negando il pass nel 99% dei casi.

«Dal primo mag­gio la mia azienda si è quindi ritro­vata con un lavo­ra­tore in meno da far lavo­rare den­tro Expo e ha chie­sto spie­ga­zioni — con­ti­nua Clau­dio — ma non sono mai arri­vate. Qual­cosa nel mio pas­sato deve aver tur­bato non so chi. Tur­bato così tanto che io ora sto comun­que lavo­rando den­tro Expo». Il vec­chio badge di Clau­dio infatti scade il 31 Mag­gio, la sua azienda non lo ha licen­ziato, e quindi sta con­ti­nuando a lavo­rare nono­stante Expo gli abbia negato il nuovo pass. «Sono così peri­co­loso che quando ave­vano biso­gno di tirare su i padi­glioni per­ché erano in ritardo non hanno fatto sto­rie sul mio pas­sato e mi hanno fatto lavo­rare, dal primo mag­gio però sono diven­tato un inde­si­de­rato. Per for­tuna l’azienda per cui lavoro non mi ha licen­ziato, mi ricol­lo­che­ranno fuori da Expo per­ché mi cono­scono, ho sem­pre lavo­rato bene e non gli inte­ressa cosa ho fatto nella mia vita dieci anni fa».

Per­ché Clau­dio qual­che denun­cia ce l’ha. Una decina di anni fa ha occu­pato una casa ed è stato iden­ti­fi­cato in mani­fe­sta­zioni di que­gli anni. «Sono ridi­coli e il fatto che io stia lavo­rando con un badge vec­chio dimo­stra che il sistema di sicu­rezza di Expo ha qual­che pro­blema. Se fossi un pro­blema per la sicu­rezza di chi viene a Expo avreb­bero dovuto tenermi lon­tano da subito o annul­lare il mio vec­chio badge. È una situa­zione assurda”. Clau­dio è stato for­tu­nato in que­sta incre­di­bile vicenda, non è stato licen­ziato. Ma per­derà 5 mesi di lavoro a Expo.

«Sto vedendo con il mio avvo­cato se ci sono gli estremi di fare causa a Expo o al Vimi­nale per danni eco­no­mici, visto che per­derò i miei cin­que mesi di lavoro den­tro all’esposizione». Cosa è diven­tata que­sta Expo? Una zona con regole straor­di­na­rie? Un luogo in cui è stato dichia­rato lo Stato di emer­genza? O nel silen­zio quasi gene­rale si sta facendo pas­sere come nor­male la sche­da­tura e il licen­zia­mento di per­sone per le loro idee o fre­quen­ta­zioni? Un tempo si chia­ma­vano licen­zia­menti politici.

http://ilmanifesto.info/expo-lo-licenzia-perche-dieci-anni-fa-occupo-una-casa/

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *