I mille fronti del Gaza Freestyle nella Striscia

La carovana 2022 del Gaza Freestyle sta per arrivare nella fase calda del festival finale.

All’interno della Striscia in questo momento è rimasta una ventina di internazionali che si stanno dando da fare per il rush finale.

Tra questo molti del “gruppo writing” che si sta concentrando su tre obiettivi:

-una lunga scritta “Free Palestine” al porto di Gaza con il volto di Vittorio Arrigoni.
-una murata al Green Hopes Gaza, il più grande skateparke della Palestina alla cui costruzione il Gaza Freestyle ha dato un contributo fondamentale.
-una terza murata a Jabalia, cittadina poco a Nord di Gaza che ospita uno dei più grandi campi profughi palestinesi.

C’è poi il  “gruppo circo” che sta invece cercando di costruire un festival circense mettendo in rete i vari gruppi della Striscia.

Per quanto riguarda invece il “gruppo donne” che ha costruito il forum delle donne dei giorni scorsi che, incontrando le associazioni femminili e femministe di Gaza, sta valutando la stesura di un documento.

Si sta già riflettendo sulla necessità di costruire una nuova carovana entro fine anno per non lasciare trascorrere troppo tempo tra un intervento e l’altro.

* murales di Yasmine Jarba

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.