Milano non si vende!

In queste sere attiviste e attivisti hanno caratterizzato diversi punti significativi della città ribadendo la loro contrarietà al consumo di suolo e rilanciando i prossimi appuntamenti della campagna per gli spazi liberati.
Dalla pubblicità ingannevole dei manifesti del comune sul Parco Nord, alla cementificazione del parco Baiamonti, dal parco Bassini ormai diventato una fortezza, e di Porta Vittoria, ognuno di questi luoghi rappresenta sia il sacrificio costante di risorse indispensabili che caratterizza questa città sia la resistenza tenace degli attivisti che non si arrendono ad una Milano senza spazi verdi e comuni!

Ci vediamo domani all’assemblea cittadina in difesa degli spazi al Lambretta e sabato 19 in piazza per gli spazi liberati.

Resilient GAP
Studenti Tsunami
Collettivo Bovisa

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *