Dopo 40 giorni è terminato lo sciopero della fame dei detenuti palestinesi


L’interruzione del digiuno cominciato lo scorso 17 aprile è giunta dopo una trattativa nella prigione di Ashqelon durata 20 ore tra le autorità carcerarie e il leader di  Fatah Marwan Barghouti e altri scioperanti. Israele ha dovuto accettare alcune delle richieste palestinesi. AGGIORNAMENTI ore 11 – CAMPAGNA FREE BARGHOUTI: “PASSO IMPORTANTE” In un comunicato la […]

Pubblicato da Matteo, il 28 maggio 2017 alle 09:37

Barghouti: perché siamo in sciopero della fame nelle prigioni di Israele


da nena-news (su cui trovate aggiornamenti sulla vicenda) di Marwan Barghouti traduzione di Valeria Cagnazzo Prigione di Hadarim (Israele), 16 aprile 2017 Avendo speso gli ultimi 15 anni della mia vita in un carcere israeliano, sono stato al tempo stesso un testimone e una vittima del sistema illegale di Israele di arresti arbitrari di massa e maltrattamenti […]

Pubblicato da Carlotta_MiM, il 18 aprile 2017 alle 19:48

[DallaRete] A Nikos, al martire che non deve diventare!

da baruda.net

Ne è passato di tempo dall’assassinio di Alexis, tanto che mi sembra impossibile sia volato così. Perchè il mio ricordo ancora brucia in modo strano, sento ancora l’odore acre di lacrimogeni che mai avevo sentito prima, sento ancora le palpitazioni per delle corse senza meta, in una città che non conoscevo e che mi accoglieva in modo […]

Pubblicato da admin, il 9 dicembre 2014 alle 15:28

Per chi balla con la morte – Nikos Romanos


In Grecia di nuovo scoppia la rivolta anarchica, non che si sia mai placata, a dire il vero. La scintilla parte dalla vicenda di Nikos Romanos, coetaneo e amico di Alexis, in carcere per una rapina di cui se ne rivendica la responsabilità come anarchico militante. Dal suo arresto si dichiara prigioniero politico pur negando […]

Pubblicato da Nic_MIM, il alle 11:33

#AlexisVive – Migliaia in piazza in Grecia. Cariche, feriti e arresti


Manifestazioni in diverse città della Grecia per l’anniversario dell’omicidio di Alexis Grigoropuolos e per sostenere la lotta di Nikos Romanos in sciopero della fame in carcere. Migliaia in piazza ad Atene e Salonicco, cariche violente della polizia, arresti e feriti, mentre scrivo da Atene la polizia continua ad attaccare spazi sociali e stazioni della metro […]

Pubblicato da Silvia, il 6 dicembre 2014 alle 22:53

Guantanamo: la guerra contro gli scioperi della fame

Giulia R

Nonostante le promesse dell’amministrazione Obama, la prigione di Guantanamo rimane aperta, continuando a rappresentare una delle più gravi violazioni dei diritti umani “legalizzate” e “autorizzate” dall’opinione pubblica e dai governi occidentali. Da qualche mese un’ondata di scioperi della fame senza precedenti ha coinvolto numerosi detenuti, facendo anche parlare del fatto che siano state adottate, a suo contrasto, […]

Pubblicato da Giulia R_MiM, il 13 maggio 2013 alle 12:17

“Guantanamo is killing me”


Nonostante fosse circolata la voce di una imminente chiusura di Guantanamo da parte dell’amministrazione Obama, testimonianze come quella che leggerete dimostrano non solo il contrario, ma continuano a confermare le sistematiche violazioni dei diritti umani che avvengono al suo interno. Abbiamo tradotto per voi questo articolo del New york Times. Buona lettura.   “Un uomo […]

Pubblicato da Giulia R_MiM, il 18 aprile 2013 alle 16:57

Smentita la notizia della liberazione di Samer Issawi il 6 marzo

Giulia R

Contrariamente alle notizie che sono circolate in rete oggi, il detenuto palestinese Samer Issawi, in carcere per motivi amministrativi e in sciopero della fame da molti mesi, NON sarà liberato il prossimo 6 marzo. E’ proprio la sorella Shereen a smentire questa notizia, e il gruppo Facebook a sostegno del detenuto e del suo sciopero, […]

Pubblicato da Giulia R_MiM, il 21 febbraio 2013 alle 18:16

SAMER ISSAWI libero il 6 marzo


da Nena News Agency Gerusalemme, 21 febbraio 2013 – Samer Issawi, da oltre 210 giorni in sciopero della fame in un carcere israeliano, sarà rilasciato il 6 marzo 2013. Oggi la Corte di Gerusalemme lo ha condannato a otto mesi di carcere. Ma dato che la condanna parte dal 7 luglio 2012, giorno in cui […]

Pubblicato da Giulia R_MiM, il alle 15:50